Caldarelli

Facebook


NEWS .:. NEWS .:. NEWS .:. NEWS .:. NEWS

L'Ape social non riduce la pensione

 

di Claudio Pinna e Matteo Prioschi  - Il sole 24 ore - 2 novembre 2016

Dall’anno prossimo i lavoratori con almeno 63 anni di età e 20 di contributi potranno smettere di lavorare fino a 3 anni e 7 mesi prima rispetto al raggiungimento della pensione di vecchiaia. Nel periodo che intercorre tra l’ultimo stipendio e il primo assegno previdenziale potranno contare su un prestito erogato con cadenza mensile, che poi sarà restituito in vent’anni a partire dal pensionamento vero e proprio.
Per rendere più flessibile il sistema previdenziale definito dalla riforma del 2011, il disegno di legge di Bilancio 2017 introduce l’anticipo pensionistico (Ape) declinato in tre versioni: volontario, aziendale e social. Nei primi due casi il sistema si basa su un prestito a carico e a beneficio del lavoratore, erogato da una banca e accompagnato da una polizza che garantisce la restituzione dell’importo in caso di premorienza.

L’assegno anticipato sarà esentasse e il relativo importo, parametrato alla pensione ipotetica calcolata al momento in cui si smette di lavorare, potrà essere scelto dall’interessato in un arco minimo e massimo che sarà definito con un decreto del presidente del Consiglio dei ministri. La pensione vera e propria, invece, sarà decurtata della rata di restituzione del prestito, del costo della polizza e del prelievo fiscale, anche se sarà riconosciuto un credito di imposta pari al 50% degli interessi sul prestito e sul premio assicurativo. I soggetti erogatori del finanziamento e della polizza, nonché le condizioni degli stessi, saranno oggetto di un accordo quadro con i ministeri dell’Economia e del Lavoro.

Stima dell’impatto dell’Ape volontaria per un lavoratore dipendente

Pensionamento di vecchiaia all’età di 66 anni e 7 mesi. Retribuzione annua lorda nell’anno precedente il pensionamento di vecchiaia pari a 30.000 euro. L’Ape massimo erogabile è stato calcolato sulla base del montante contributivo maturato alla data di accesso ma utilizzando il coefficiente di conversione previsto all’età del pensionamento finale. La pensione definitiva è stata individuata sulla base del medesimo montante maturato alla cessazione dal servizio, rivalutato per gli anni di anticipazione della prestazione e convertito in pensione adottando il coefficiente stabilito all’età del pensionamento. Il tasso annuo di interesse è stato ipotizzato al 3,0% annuo. Il premio della copertura di premorienza è stato assunto pari al 30% delle prestazioni anticipate. Importi annui e in euro 2016

Anni di anticipo
e quota di Ape

Retribuzione netta*

Pensione teorica **

Ape netta

Rata restituzione prestito

Pensione
lorda ***

Pensione netta ****

Variazione % rispetto all'Ape

1

Ape al 90%

20.379

22.714

20.443

1.795

22.752

16.041

-22

Ape al 75%

17.035

1.496

16.290

-4

Ape al 60%

13.628

1.197

16.549

21

2

Ape al 90%

20.076

21.810

19.629

3.499

21.873

14.031

-29

Ape al 75%

16.357

2.916

14.519

-11

Ape al 60%

13.086

2.332

15.023

15

3

Ape al 90%

19.778

20.926

18.833

5.111

21.004

12.105

-36

Ape al 75%

15.694

4.259

12.818

-18

Ape al 60%

12.555

3.408

13.553

8

Nota: * nell’anno precedente l’Ape
** pensione teorica maturata all’accesso all’Ape
*** al pensionamento
**** al netto della rata di restituzione del prestito e delle imposte

Fonte: elab. Aon Hewitt Retirement Investment Consulting

Seppur ancora diversi aspetti debbano essere definiti con provvedimenti futuri e nelle scorse settimane il governo abbia fatto sapere che il costo dell’Ape volontaria dovrebbe essere pari a circa il 4,6% della pensione per ogni anno di anticipo, i calcoli contenuti nella tabella pubblicata sopra a questo articolo evidenziano il rapporto tra l’importo dell’anticipo e quello della pensione a regime. Se si chiede un anticipo troppo consistente, e lo si chiede troppo presto, si ottiene una drastica riduzione del reddito netto percepito al pensionamento definitivo. Se si chiede troppo poco, invece, si ha da subito un’Ape molto più contenuta rispetto al reddito netto percepito in attività di servizio (e meno variazioni al pensionamento). Questi effetti aumentano al crescere del reddito percepito.
Nella versione aziendale l’Ape consente al datore di lavoro, agli enti bilaterali, ai fondi di solidarietà di versare dei contributi aggiuntivi a favore del lavoratore al momento di richiesta dell’anticipo, in modo da aumentare l’importo della pensione. Per il resto il meccanismo è uguale.
Completamente diversa, invece, è l’Ape social, perché non si basa su un prestito da restituire, ma è una prestazione assistenziale che viene erogata dallo Stato fino alla decorrenza della pensione, il cui importo di conseguenza non sarà ridotto.

L’Ape social, che avrà un importo uguale alla futura pensione ma comunque non superiore a 1.500 euro, verrà riconosciuta a determinate categorie di lavoratori con almeno 63 anni di età e 30 di contributi: disoccupati che hanno terminato gli ammortizzatori da almeno 3 mesi; chi assiste da almeno 6 mesi coniugi o parenti di primo grado conviventi con grave handicap; sono portatori di handicap con riduzione della capacità lavorativa di almeno il 74 per cento. Ape social anche a chi ha 63 anni di età e 36 di contributi e ha svolto negli ultimi sei anni una di queste attività: operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici; conduttori di gru, di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni; conciatori di pelli; conduttori di mezzi pesanti, camion, treni e personale viaggiante; infermieri e ostetriche impegnate su turni; addetti all’assistenza personale di non autosufficienti; professori di scuola pre-primaria; facchini e spostamento merci; addetti alle pulizie non qualificati; operatori ecologici.


Archivio News Facebook

 

NUOVO ORARIO

01/01/2016

____ORARIO CONTINUATO____ dal lunedì al venerdì 9.15 - 16.30

maggiori informazioni
NUOVA TARIFFA KM E SERVIZI 2 RUOTE

30/06/2017

Sospendi Ciclomotori e Motocicli a TARIFFE PAZZESCHE !!!!!!!!

maggiori informazioni



 

 

Caldarelli Servizi Assicurativi S.A.S.- via Monte Grivola 43 Aosta - P.Iva 00469520076
tel. 0165.554060 - Fax 0165.216211 - -

Informativa Privacy - Cookie policy - area riservata